Regolamenti

In questa sezione trovate i regolamenti relativi alle gare di lettura e al concorso videomaking.
Per qualsiasi dubbio o questione non esitate a scrivere una mail con destinatario projectwork@liceolussana.eu

Regolamento delle Gare di lettura

Una volta che i componenti della squadra si saranno iscritti tramite questo modulo (Iscrizione Gare di lettura) e avranno segnalato le loro preferenze, il team di PortArti organizzerà il calendario delle sfide in modo da far affrontare le squadre su uno dei libri da loro scelti, e verrà loro comunicato tramite mail il testo sul quale prepararsi.

A questo punto le squadre dovranno:

Prima della gara:

  • Leggere integralmente il libro sul quale si affronteranno.
  • Formulare un questionario di 33 domande con annesse risposte cosí strutturato:
    • 10 domande rapide di livello semplice
    • 10 domande rapide di livello medio
    • 10 domande rapide di livello difficile
    • 3 domande di ampio argomento che stimolino il dibattito e favoriscano una riflessione sul contenuto del libro e sul messaggio dell’autore
  • Inviare il questionario con le domande all’indirizzo mail projectwork@liceolussana.eu.

Durante la gara:

Nella prima fase della gara ci sará un veloce scontro diretto a domande rapide e in particolare:

  • Per le domande di livello semplice la squadra avversaria avrá un minuto di tempo prima che il portavoce annunci la risposta definitiva. Ogni risposta corretta vale 1 punto.
  • Per le domande di livello medio la squadra avversaria avrá un minuto e mezzo di tempo prima che il portavoce annunci la risposta definitiva. Ogni risposta corretta vale 2 punti.
  • Per le domande di livello difficile la squadra avversaria avrá due minuti di tempo prima che il portavoce annunci la risposta definitiva. Ogni risposta corretta vale 3 punti.

Quando una squadra risponde correttamente si aggiudica il diritto di porre una domanda agli avversari.

Nella seconda fase della gara la squadra che ha totalizzato il punteggio minore potrá porre una delle tre domande e dare inizio ad un dibattito che sará guidato dall’arbitro e valutato e approfondito dalla giuria. In seguito anche l’altra squadra potrá dare inizio ad una riflessione o continuare a sviluppare la precedente fino allo scadere del tempo e in seguito la giuria valuterá le due squadre in base alle loro capacitá argomentative ed espressive e alle loro conoscenze con un punteggio compreso tra 1 e 15, che si sommerá al punteggio raggiunto nella prima fase.

La squadra che avrá totalizzato piú punti sará la vincitrice.

Ecco uno spunto per le domande che possono essere inserite nel questionario:

  • “Vero o falso?”: Far indovinare all’altra squadra se un’affermazione é vera o falsa.
  • “Chi l’ha detto?”: Leggere un passo del libro e far indovinare quale personaggio ha pronunciato delle determinate battute.
  • “Caccia al personaggio”: Leggere un passo del libro e far indovinare quale personaggio ha compiuto una determinata azione.
  • “Oggetti misteriosi”: Far indovinare quale oggetto in una determinata sequenza assume una particolare rilevanza.

Questi sono solo esempi di domande rapide ma potete sbizzarrirvi nelle piú svariate tipologie, ricordandovi di non lasciare spazio a domande e risposte troppo approssimative che potrebbero essere eliminate dalla giuria al momento dell’esaminazione dei questionari.

LIBRI PROPOSTI
Ciò che inferno non è, Alessandro D’Avenia
L’avvocato canaglia, John Grisham
L’obbedienza non è più una virtù, Lorenzo Milani

ISCRIZIONE
Per iscriversi bisogna compilare il seguente modulo online entro domenica 31 marzo 2019: https://goo.gl/forms/GSpCg2Inm5oj5pm42

Per informazioni:
projectwork@liceolussana.eu; montevecchio.paolo.studente@liceolussana.eu

Regolamento concorso videomaking

Il concorso ha lo scopo di permettere di sviluppare il tema del festival, “La corruzione” attraverso l’elaborazione di un cortometraggio.

Art. 1 – Finalità

Il concorso ha lo scopo di permettere di sviluppare il tema del festival, “La corruzione” attraverso l’elaborazione di un cortometraggio.

Art. 2 – Modalità di Partecipazione

  1. a) Per iscriversi al concorso bisogna compilare un modulo google reperibile qui.
  2. b) La partecipazione può essere sia singola che di gruppo.
  3. c) I video che potranno essere valutati e quindi partecipare effettivamente al concorso saranno quelli dei primi dieci gruppi che si iscriveranno attraverso il modulo Google.
  4. d) Non accetteremo i video che arriveranno oltre il 17 Aprile 2017 anche nel caso che appartengano a uno dei dieci gruppi iscritti per primi

Art. 3 – Caratteristiche video

  1. a) La durata del video deve essere di massimo 3 minuti esclusi i titoli di coda.
  2. b) Non ci sono obblighi né limiti per la scelta della tecnica espressiva.
  3. c) Il file video non deve pesare più di 500 MB.
  4. d) Le musiche inserite nel video non devono essere soggette a Copyright.
  5. e) La tematica del filmato deve essere  ”La lotta alla corruzione”.

Art. 4 – Vincitori e Premi

  1. a) La giuria sceglierà i vincitori del concorso tenendo conto della qualità tecnica e dello sviluppo del tema “Legalità e lotta alla corruzione”.
  2. b) I giudici decreteranno un vincitore per ogni categoria, ma lo stesso gruppo partecipante non potrà aggiudicarsi più di un premio.

Regolamento delle Gare di dibattito

LE SQUADRE:
Le squadre partecipanti (non c’è un limite di componenti) dovranno essere
identificate da un nome di fantasia (es. “Le so tutte”, “Parla con me” “Pinguini gialli” ecc.). Il nome di fantasia aiuta nella riconoscibilità della squadra e nella creazione del senso di appartenenza.
COMPOSIZIONE DELLA SQUADRA DURANTE IL DIBATTITO:
Durante il dibattito, la squadra è composta da 6 studenti, così suddivisi:
CAPITANO. Il capitano terrà il discorso di apertura e tirerà le conclusioni.
ORATORI.Il Primo e il Secondo oratore potranno approfondire la tesi introdotta dal loro capitano o utilizzarla come spunto da cui partire per le obiezioni a quella avversaria. Potranno ampliare le fonti citate, aggiungere documenti ecc. Dovranno smantellare gli argomenti presentati dalla squadra avversaria, mostrandone debolezze e contraddizioni. È anche importante che sappiano reagire alle critiche ricevute, controbattendo punto per punto. Per fare ciò dovranno avere una solida base di ricerca e una strategia di squadra chiare.
3 UDITORI CRITICI. Gli uditori critici saranno disposti immediatamente alle
spalle del capitano e dei 2 oratori e avranno il compito di prendere nota degliargomenti portati dalla squadra avversaria e nelle pause previste li segnalano agli oratori perché possano replicare.

NON possono intervenire durante il dibattito libero!
Discorso di apertura: l’obiettivo è introdurre la tesi della squadra e i punti focali individuati nella fase preparatoria. I capitani delle due squadre esporranno in successione (cominciando sempre dalla squadra PRO ) l’interpretazione principale che la propria squadra ha dato alla tesi da supportare, ampliandola.
Conclusioni: sono le ultime parole che ascolteranno i giudici per cui bisogna
riassumere il punto di vista e le argomentazioni che sono state formulate
in precedenza cercando di convincere i giudici dell’ efficacia delle proprie
argomentazioni.
DIBATTITO:
Nel dettaglio, il dibattito seguirà il seguente ordine di svolgimento:
1. Accoglienza e presentazione (5’).
2. Orazione del capitano della squadra PRO (3’).

3. Orazione del capitano della squadra CONTRO (3’).
4. Orazione del primo dei relatori della squadra PRO (3’).
5. Orazione del primo dei relatori della squadra CONTRO (3’).
6. Due minuti di pausa, durante i quali i giudici organizzano gli appunti e ogni squadra si consulta (2’).
7. Orazione del secondo dei relatori della squadra PRO (3’).
8. Orazione del secondo dei relatori della squadra CONTRO (3’).
9. I giudici si prendono due minuti di tempo per sistemare gli appunti delle
loro valutazioni sui relatori che si sono appena alternati; nel frattempo, gli
uditori critici suggeriscono ai relatori le contromosse e le squadre PRO e
CONTRO preparano per il dibattito libero (2’).
10.Dibattito libero: la squadra PRO avvia il dibattito libero nel quale devono
parlare almeno una volta due oratori per squadra (max 8’).
11.I giudici si prendono 2’ minuti di tempo per sistemare gli appunti nel
frattempo le due squadre si organizzano per gli interventi finali dei due
capitani.
12.Intervento conclusivo del capitano della squadra PRO (3’).
13.Intervento conclusivo del capitano della squadra CONTRO (3’).
14.I giudici vengono accompagnati nella sala riservata alla valutazione e si
prendono 10-15’ di tempo per le valutazioni complessive e per dichiarare
il vincitore. Le due squadre rimangono nella sala del dibattito, cercando di
non disturbare.
DIBATTITO LIBERO:
Al termine dell’intervento del secondo oratore della squadra CONTRO, e prima delle conclusioni dei capitani, è prevista una fase di dibattito libero della durata massima di 8 minuti, secondo le seguenti regole:
1. Inizia la squadra PRO

2. Partecipano solo 3 componenti (due oratori e capitano) delle squadre in
sfida. Gli uditori critici possono dare suggerimenti alla propria squadra ma
NON intervenire direttamente.

3. Almeno due componenti per squadra devono prendere la parola almeno
una volta.

4. Per prendere la parola attendono che abbia finto l’oratore precedente (che può essere della propria squadra) o alzano la mano per prenotarsi.

5. La squadra che non consente all’altra di intervenire viene penalizzata nel
punteggio dei giudici.
NB: avrà una valutazione maggiorata la squadra dove parteciperanno più
componenti.
COSA VIENE VALUTATO E COME:
Sono oggetto di valutazione da parte dei giudici: la strategia e la logica
argomentativa e contro argomentativa e lo stile espositivo. Dal punto di vista della strategia argomentativa saranno valutate l’abilità di persuadere, la logicità nell’argomentazione, la coerenza tra gli interventi degli oratori, la capacità di fare squadra, la pertinenza delle argomentazione, la congruenza e varietà delle fonti utilizzate e soprattutto la capacità di ribattere alle tesi avversarie. Dal punto di vista dei contenuti, saranno valutate la conoscenza (ricchezza) e la comprensione(chiarezza) della tematica, la pertinenza delle argomentazioni e la varietà delle fonti utilizzate. Dal punto di vista dello stile: la chiarezza della esposizione, la capacità di coinvolgere e di mantenere l’interesse, la capacità di persuadere e di mantenere l’interesse del pubblico evitando continue letture e recite.Ogni giudice ha a disposizione 50 punti da assegnare a ciascuna squadra così ripartiti: 10 per il primo intervento del capitano, 10 per il primo e 10 per il secondo oratore, 10 per il dibattito libero, 10 per l’intervento conclusivo del capitano. I 10 punti per intervento sono suddivisi in 2 ambiti: massimo 5 punti per contenuti, logica argomentativa e contro argomentativa; massimo 5 punti per capacità oratoria